Sito di informazioni per il consumatore
Champions LeaguePronostici

Champions League 2019/2020: la Juve è ancora favorita?

A poche ore dal via ufficiale alle prime gare degli ottavi di finale della Champions League 2019/2020, ci ha pensato il tecnico del Liverpool campione in carica a rilanciare un dibattito che sembrava finito in secondo piano: “La Juventus è la favorita per la Champions League”, le parole di Jurgen Klopp. Ha la rosa migliore che abbia mai visto in tutta la mia vita, con giocatori di qualità, è pazzesca”. Ma è davvero così?

Senza ombra di dubbio la rosa bianconera è una delle più ricche e meglio assortite. Se andiamo ad analizzare il valore di mercato dell’ipotetico 11 titolare con Szczesny in porta, Cuadrado – Alex Sandro – Bonucci – De Ligt in difesa, Pjanic – Bentancur – Matuidi a centrocampo, Ronaldo – Dybala – Higuain in attacco, si arriva a oltre 530 milioni (dati Transfermarkt). Siamo nella top 5 delle squadre rimaste in corsa per la Champions.

In più, la Vecchia Signora, sembra avere il giusto mix tra gioventù ed esperienza. Ci sono le forze fresche di De Ligt, Bentancur, Rabiot e dello stesso Dybala e l’esperienza di senatori come Buffon, Bonucci e Chiellini e di chi la Champions l’ha già vinta, ovvero Cristiano Ronaldo (5 volte), Danilo (2 successi) e Khedira (una vittoria).

Sono queste alcune delle ragioni che spingono operatori esperti come Oddschecker, da sempre attenti alla Champions League, a continuare a considerare i bianconeri come i candidati numero uno alla vittoria finale.

Ma questa è solo la superficie. Ci sono motivazioni ulteriori che spingono i pronostici a favore dei ragazzi di Sarri. La prima è il rientro di Chiellini, dettaglio tutt’altro che trascurabile. Con il capitano della Nazionale in squadra, aumentano attenzione e furia agonistica e lo stesso Bonucci gode di maggiore libertà in fase di costruzione. Aspetti da non sottovalutare per una squadra che vuole iniziare a impostare le proprie trame dalla difesa. In più c’è il fattore CR7. Da quando il rivale di sempre Lionel Messi ha allungato nella speciale lotta a due per numero di Palloni d’Oro conquistati, il portoghese sembra un altro giocatore. Nel 2020 ha segnato in tutte le gare e sembra tornato quel fenomeno che ha portato Champions in serie al Real Madrid.

Il tutto aggiunto a una volontà di sfatare il tabù di una Coppa che manca a Torino dal 1996 e che è stata soltanto sfiorata nelle finali del 2015 e 2017 con Allegri.

A rafforzare il ruolo di favorita, la Juve ha ricevuto anche la benedizione del sorteggio. L’ottavo estremamente accessibile contro il Lione, a meno di inattesi disastri, permetterà a Sarri di avere 45 giorni supplementari per affinare i meccanismi di un gioco che fin qui si è visto soltanto a sprazzi.

Una fortuna che le altre rivali dirette non hanno avuto. Il Liverpool campione in carica ha già perso l’andata del suo ottavo contro l’Atletico Madrid di Simeone, cliente che nessuno voleva incontrare. Il PSG ha rimediato una brutta sconfitta con il Borussia Dortmund e in un attimo ha visto scoppiare il suo equilibrio con giocatori che non riescono a legare e con il tecnico Tuchel tornato sul banco degli imputati. Dall’altra parte del tabellone anche le altre favorite della vigilia non avranno vita facile: il Bayern Monaco deve vedersela col Chelsea, cliente sempre scomodo a questi livelli, mentre Real Madrid e Manchester City si sfideranno in un doppio incontro ad alto livello di spettacolarità ma che inevitabilmente sancirà l’eliminazione di una delle favorite.

 

Discorso a parte merita il Barcellona, accoppiato contro il Napoli di Rino Gattuso. I blaugrana stanno vivendo il momento forse più difficile dell’era Messi, con polemiche a non finire, esoneri, ammutinamenti vari e una dirigenza che appare incapace di arginare la crisi. Le stesse voci che parlano di un possibile abbandono del 6 volte Pallone d’Oro a fine stagione destabilizzano una squadra che avrà il suo bel da fare per superare i partenopei.

Tutte situazioni non semplici che aprono ancor di più la strada alla Juventus. E se Sarri riuscirà finalmente a sviluppare in maniera completa il suo gioco spettacolare saranno problemi per tutti.

 

Lascia un commento

Leave a reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.